NO agli OGM nei dolci pasquali: preparateli in casa!

Mangiare sano è un requisito importante per stare bene. Ogni momento è valido per gustare dei cibi genuini e saporiti, la Pasqua non fa eccezione. La scelta del giusto piatto permette di evitare di assumere OGM (acronimo di Organismi Geneticamente Modificati) ovvero alimenti ai quali è stato modificato il patrimonio genetico. Se è vero che, a livello alimentare, la modifica del patrimonio genetico di un dato alimento ha come obiettivo quello di migliorare alcune caratteristiche dello stesso, dall’altro non è ancora certo al 100% che si tratti di interventi che non vanno ad influire sulla salute umana. Per questo motivo siamo assolutamente a favore del cibo non OGM.

Come fare per avere la certezza che, ad esempio nei piatti di Pasqua, tutti gli ingredienti usati siano sani e genuini?

Facile, basta preparare tutto in casa. Ne potrete guadagnare in termini di bontà del piatto che si mangia e vi divertirete sicuramente nel farli.

Se non sapete come fare, potete seguire le ricette di Pasqua proposte da Galbani e dal sito Dolcidee, dove è possibile trovare antipasti, primi piatti, secondi piatti, contorni, torte salate e dolci, davvero tutto il necessario per mangiare bene e con gusto.

Tra i primi piatti potete optare per un tiramisù di spinaci, per la “classica” pasta alla Norma e per le pappardelle alla crema di mascarpone e tartufo. Tra i secondi piatti ci sono delle gustosissime crocchette di patate e porri, il filetto di salmone in crosta di nocciole e l’arrosto ripieno, altro grande classico del periodo pasquale. Non possono ovviamente mancare i dolci, con la pastiera napoletana, il tiramisù e la colomba al semifreddo.

Mangiare bene a Pasqua è possibile e Galbani ci dà un grande aiuto in tal senso.