I consigli di Motocarota: Riccione

Riccione è ricca di hotel adatti ad ogni necessità: gruppi di amici, coppie giovani, persone più anziane, famiglie anche con bambini piccoli. Per quest’ultimo gruppo di persone la soluzione ideale (anche da un punto di vista del costo), oltre alla possibile ricerca di una casa vacanze a Riccione e dintorni,  è scegliere delle strutture che ospitano gratuitamente i più piccoli.

Tra le varie strutture c’è il residence a Riccione Saturnia, che si trova proprio sul lungomare, a pochi minuti a piedi dal centro città (in Via D’Annunzio) La vicinanza rispetto a Viale Ceccarini, il vero centro della vita estiva della città romagnola, è un “plus”. Inoltre, la struttura è a 20 metri dalla spiaggia, dove poter prendere il sole, rilassarsi e fare un bagno nelle splendide acque riccionesi. Per i più piccoli, il vicino parco acquatico Beach Village è una grande attrazione. A disposizione dei clienti anche vasche idromassaggio e trattamenti benessere. La struttura mette a disposizione anche la connessione WiFi. Continue reading »

Mangiare fuori in Emilia Romagna

Dove e cosa mangiare fuori in Emilia Romagna?

La cucina emiliano-romagnola è una delle più apprezzate in Italia. I suoi sapori e i suoi odori sono inconfondibili: offre piatti poveri o festivi, in un susseguirsi di prodotti tipici, legati al territorio. Per comprendere al meglio la sua cucina, basta dare un’occhiata alle sue zone, tipicamente pianeggianti, in cui sin dalle epoche passate si è sempre coltivato il terreno e allevato gli animali.

Non a caso, il primo piatto che ci viene in mente, quando sentiamo nominare questa regione, è proprio il tortellino o cappelletto, la pasta fresca per eccellenza, rinomata in tutto il mondo.

Le differenze tra la cucina emiliana e la cucina romagnola ci sono, perché dobbiamo considerare che la Romagna versa più sul mare e, oltre ai piatti di carne, offre numerose proposte di pesce da leccarsi i baffi.

Parlando di Romagna, non possiamo non citare la meravigliosa piadina, il simbolo di questa regione. Tra un tuffo nel mare Adriatico e una visita al centro storico di Rimini, che offre vicoli variopinti e caratteristici, è quasi scontato che si voglia anche deliziare il palato, oltre che gli occhi.

Tra tortellini, piadine e qualche consiglio!

Se volete un consiglio spassionato, in Emilia-Romagna si mangia bene nelle trattorie, nelle osterie e nei ristoranti più tipici, perché la gente del posto è schietta, ama “sporcarsi” le mani di farina e adora gli angoli nascosti delle strade.

Ama sedersi a tavola con un ottimo fiasco di vino, Lambrusco o Sangiovese, accompagnato da tortellini in brodo, gnocco, tigelle o piadine. Non mancano i salumi, simbolo del territorio, né i formaggi o il “lardo”, il pesco con cui si riempiono le tigelle, o crescentine a Bologna. Sì, i nomi dei piatti cambiano spesso in base alla città.

Se vi trovate in Romagna, allora non potete perdere i ristoranti a San Giuliano a Rimini come “La S Romagnola”, oppure tra i ristoranti di Rimini il “Storie di Mare” o il ristorante di pesce a Rimini Amau. Basta sfogliare i menù online per farsi venire l’acquolina alla bocca: passatelli, tagliatelle, mora romagnola, piadine accompagnate da ottimi salumi, pesce… il tutto annaffiato da vini Doc (rigorosamente romagnoli).

E, se proprio siete stanchi la sera, una pizza a domicilio a Riccione vi permetterà di rilassarvi direttamente in camera o in appartamento. Ma, credete a noi, un piccolo sforzo potrebbe valere la pena.

Come scegliere la cucina perfetta

Per la famiglia, la cucina è un ambiente importantissimo, soprattutto se si hanno dei bambini piccoli. E’ qui che si passa tempo cercando di farli mangiare, è qui che le femminucce impastano le prime cose fatte in casa, è qui che ci si ritrova a pranzo e cena per parlare di quello che si è fatto durante la giornata.

Ecco perché la giusta cucina dev’essere perfetta!

Come scegliere la cucina perfetta nel rispetto della tradizione

Una cucina perfetta è una che ha il colore e il sapore della tradizione, magari nella valorizzazione di materiali classici come il noce o il ciliegio, nella declinazione armonica di sedute in paglia e nella giusta collocazione di tavoli in legno massiccio.

Le cucine in stile hanno un’anima antica e donano un’atmosfera accogliente alle moderne abitazioni. Spesso lo stile di oggi si determina come rigorosa pulizia delle forme e svuotamento di particolari decorativi: un arredamento moderno può convivere con una cucina in stile, magari rafforzata da mobili in legno e piastrelle cucina adatte, in una struttura insolita di vasi comunicanti, dove lo stile carico della zona cottura si stempera nell’ elegante “vuoto” della sala da pranzo ultramoderna.

Le cucine in stile necessitano di particolare cura e manutenzione, soprattutto se abbiamo optato per una cucina in legno massello con sedie rustiche in paglia.

E alle sedute in paglia sentiamo di dover dedicare poche righe su come mantenerle pulite e sempre nuove: basterà bagnarle con una soluzione di acqua ossigenata molto diluita per eliminare sgradevoli macchie.

E per eliminare il problema di futuri aloni sarà sufficiente spruzzare sul sedile in paglia una vernice poliuretanica trasparente.

Per la pulizia delle cucine in stile dove il legno è elemento solista della composizione di mobili, ripiani e pensili, si consiglia l’utilizzo di prodotti specifici per il legno, evitando di pulire con polveri abrasive o creme a base di candeggina.

Come arredare la casa nel rispetto della cucina

Se siete amanti delle atmosfere rustiche e country potrete estendere il dominio dello stile retrò anche alle vostre camere da letto, alle librerie in legno di soggiorni e salotti moderni, all’armadio guardaroba nella camera ultimo grido; si perché non c’è nulla di veramente unico e alla moda di un ambiente eterogeneo per stile ma sempre e comunque ben armonizzato nella giustapposizione di forme, essenze e colori.

5 ristoranti per famiglie da non perdere in Italia

Mangiare al ristorante è qualcosa insito in ogni italiano. La buona cucina, lo stare insieme attorno ad un tavolo e la ricerca degli ingredienti particolarmente eccellenti, sono un elemento che contraddistingue chi vive nel Belpaese. Nel nostro articolo andremo a vedere quali sono i 5 migliori ristoranti per famiglie in Italia, dove potersi recare per esempio se si è in vacanza da quelle parti o nelle vicinanze.

5 ristoranti per famiglie in Italia

Il primo ristorante per famiglie che andiamo ad analizzare si trova in Toscana, e per la precisione nella città di Torre del Lago provincia di Lucca. Il nome di questo locale è La Casetta di Agnese, ed è un ristorante-pizzeria che propone alla clientela la tipica cucina toscana. Il locale è specializzato in piatti di carne, ed è a modello di bambino, in quanto presenta menù a loro dedicati e un angolo giochi sia all’interno che all’esterno.

Il secondo locale che analizziamo è il Family Restaurant Il RegnodiReMida, un locale che oltre a offrire cibo e bevande di alta qualità, è realizzato a modello di bambino. Presenta menù a loro dedicati e divertimento assicurato, ad esempio con la baby dance. Una perla culinaria in una delle più belle zone del nostro Paese.

Il terzo locale che osserviamo è il ristorante La Meridiana, che si trova situato a Castelnuovo del Garda provincia di Verona. Il ristorante presenta piatti gluten free, giardino dedicato ai bambini e ogni venerdì sera offre intrattenimento per i più piccoli.

Il quarto locale è l’agriturismo Ca Cirigiolo, che si trova nella città di Apecchio, provincia di Pesaro-Urbino. Un bellissimo agriturismo che è tipico per il tartufo e la bontà di una birra artigianale. Conosciuto per offrire pranzi ottimi e abbondanti, per un conto finale sotto la media generale dei locali dello stesso tipo.

Chiudiamo la lista dei locali con il ristorante-pizzeria Da Lele, che si trova a Riccione in provincia di Rimini. Questo locale è senza dubbio il posto migliore per gustare piatti realizzati con pesce fresco. Offre alla clientela un ambiente poco formale e molto accogliente. Luogo che è perfetto per le famiglie con bambini, i quali sono più che benvenuti.

5 hamburgherie da non perdere, per grandi e piccini

In Italia da anni, con l’arrivo dei Fast Food, è cresciuta la moda tra adulti e bambini di andare a mangiare hamburger. Dopo un’inziale monopolio di una o due catene mondiali, nel tempo ne sono sorte delle altre, e ad oggi possiamo identificare almeno 5 hamburgherie da non perdere.

5 hamburgherie per grandi e piccini

La prima che andiamo a recensire è la hamburger Riccione Malto Birreria, dove oltre alla tradizione della buona birra artigianale, si possono consumare dei deliziosi hamburger realizzati con carne di ottima qualità. Le patatine che li accompagnano hanno un sapore ricercato, e si trovano anche piadine farcite con salsa romagnola.

Altro luogo ove poter mangiare hamburger di ottimo livello è da The Burger Factory a Roma, dove si può trovare un ricchissimo menù di diversi hamburger, i quali vengono classificati sulla base delle loro dimensioni. Si possono trovare da 150gr, 220gr e infine 300gr.

Lo Monaco ALTrA CUCINA è un luogo di spicco per gli hamburger in Italia, e si trova a Villabate provincia di Palermo. In questo locale caratteristico a rappresentare un valore aggiunto è l’atmosfera casalinga. La carne arriva fresca direttamente dalla macelleria di famiglia, la quale sede si trova a fianco della stessa attività. Le patatine che si consumano all’interno sono fritte al momento. Un vero e proprio esempio di freschezza.

Leo’s Hamburgheria è un locale molto interessante che si trova a Sirmione, località in provincia di Brescia. Qui viene offerta un’idea innovativa di hamburger, infatti la carne può variare tra cinghiale, cavallo, anatra, cervo, agnello e capriolo. Non solo, vi sono anche altri tipi di carne come quelle più comuni. Viene servita con gli ingredienti a parte, perché uno degli elementi che contraddistinguono questo locale, è la volontà di lasciare che sia il cliente a sperimentare la propria creatività, creando così l’hamburger più originale.

Ultimo locale consigliato in Italia è Il Masetto di Genova, il quale fa della qualità degli ingredienti il suo punto di forza. Qui si mangia solamente carne di manzo 100% piemontese, che presenta un certificato COALVI e vengono utilizzati solo ingredienti coltivati nella zona.

Breve gita a Rimini

La città di Rimini merita davvero di essere oggetto di una gita. Quando pensiamo a questo luogo, ci viene sempre in mente come tipica meta estiva. In realtà la famosa città della Romagna non è soltanto sinonimo di spiagge e divertimento. Se consideriamo tutte le altre bellezze che offre a disposizione dei turisti, ci accorgiamo che può essere pure una meta ideale per una gita da fare anche con tutta la famiglia. Scopriamo cosa vedere a Rimini e dove alloggiare.

Cosa vedere a Rimini

Sicuramente il centro storico della città si propone come un vero e proprio mix di storia e cultura. È un luogo particolarmente vivace, molto dinamico e in esso si può accedere alle piazze più importanti, ritrovandosi vicino a musei e monumenti interessanti. Se facciamo un salto a Rimini possiamo visitare anche il museo della città “Luigi Tonini”. Si trova presso l’ex collegio dei Gesuiti e presenta moltissimi reperti e mosaici, oltre ad ospitare una pinacoteca su due piani.

Merita di essere visto anche il ponte di Tiberio, una testimonianza di architettura di epoca romana antica. È conosciuto anche come ponte di Augusto. Molto affascinante anche la zona della Pescheria Vecchia, un punto di ritrovo per molti giovani, visto che è possibile rintracciare diversi pub e ristoranti. Borgo San Giuliano è un quartiere popolare della città in cui è nato il famoso regista Federico Fellini.

Dove alloggiare a Rimini

Se vogliamo trattenerci a Rimini per qualche giorno, abbiamo davvero l’imbarazzo della scelta su dove alloggiare. In città sono presenti numerosi hotel, come il Touring, un hotel a quattro stelle di fronte al mare con piscina e area dedicata al benessere. Possiamo ricordare anche l’hotel Helios, ideale per una vacanza all’insegna del relax.

Ci sono poi i residence di Rimini, che mettono a disposizione appartamenti, proponendo opportunità comode ed economiche. Possiamo ricordare, ad esempio, il residence Divina, che si trova a due passi dal mare, in viale Don Domenico Masi. Anche l’hotel residence Fellini è a pochi passi dal lungomare. Si trova nel cuore della città, in una posizione che assicura un soggiorno tranquillo.

Inoltre non possiamo non ricordare l’opportunità di alloggiare anche in agriturismo fuori città. Ad esempio l’agriturismo vicino Rimini Germano Reale offre alloggi che si distinguono per un ottimo rapporto qualità-prezzo.

Nuoto e bambini: la guida 

Da sempre il nuoto è una delle attività più indicate per i bambini: i pediatri infatti sono quasi unanimi nel definirlo lo sport più adatto per le giovani leve, e non solo. Sicuramente il bambino ha un rapporto privilegiato con l’acqua, che non dovrebbe mai dimenticare: il neonato associa l’acqua all’utero materno, ed è per questo motivo che si trova così a proprio agio in quell’ambiente.

Il bambino, in ogni fascia d’età, può nuotare senza problemi. Ad esempio da quando nasce fino ai sei mesi il nuoto può diventare fin da subito un’attività naturale: i primi mesi di vita sono quelli dove l’istinto è sempre più sviluppato, e per questo motivo bisogna far abituare il neonato a quell’atmosfera così tanto a lui cara. Ovviamente sotto la mediazione dei genitori e dell’istruttore, grazie ai quali scoprirà nuove possibilità motorie offerte dall’acqua.

Quando il bambino raggiunge un anno d’età sa gattonare e inizia a provare i primi passi: aumentando in questo modo il suo raggio d’azione, la sua curiosità aumenta sempre di più. Ed è così che il piccolino fa lo stesso in piscina: si stacca dalle braccia dei genitori e inizia ad esplorare l’ambiente circostante con l’utilizzo di braccioli e salvagenti.

La terza fascia è quella che solitamente va dai 15 ai 23 mesi: qui il bambino ha accresciuto ancora di più la sua autonomia. Inizia ad essere capace di galleggiare, e tenta i primi tuffi! Con il compimento dei due anni e qualche mese è pronto per essere separato dai genitori. Ora sarà l’istruttore a prendersi cura del nostro piccolo, insieme ai suoi compagni di nuotate! La dimestichezza che ha ora il bambino è notevole.

Più passa il tempo e più si possono iniziare attività più complesse, come percorsi acquatici e galleggiamento e immersione autonoma per raccogliere oggetti posati sul fondo vasca. Si può dire che un piccolo nuotatore in erba è già formato: con il compimento dei cinque anni infatti potrà essere iscritto ad un vero e proprio corso di nuoto.

Fatto questo rapido excursus sulle tappe che portano il nostro bimbo ad avere sempre più dimestichezza con il nuoto, bisogna anche spendere due parole sull’equipaggiamento da avere e su come garantirgli una sicurezza che possa metterlo al riparo da situazioni spiacevoli dove potrebbe rischiare la propria salute.

Intanto obbligatorio accappatoio e telo: il primo serve per asciugare il bambino appena esce dalla vasca mentre l’altro è da utilizzare subito dopo aver fatto la doccia. Per evitare poi l’effetto negativo dello sbalzo di temperatura tra la piscina e l’esterno è bene vestirsi a strati. Infine, meglio dotarsi di magliette termiche oppure anche di mute in neoprene fatte apposta per non avere freddo quando si entra in vasca. Per i neonati è sempre ottimo dotarli di pannolini indossabili in acqua, come anche di costumi impermeabili così da non avere una volta usciti pelle irritata.

Anche la cura delle orecchie è fondamentale: bisogna asciugarle e pulirle accuratamente, in modo tale che non si verifichino infezioni.

Cibi contro l’acne giovanile e infantile

La dieta rispecchia sempre la nostra persona. Quello che mangiamo si riflette su di noi e sulla nostra pelle. Mangiare bene porta, tra le altre cose, anche ad avere una pelle sana e pulita, mentre mangiare male porta ad avere dei brufoli o a sviluppare problematiche cutanee di vario genere. Tra le varie, quella dell’acne è particolarmente sentita in maniera particolare dai giovani.

Andiamo dunque a vedere quali sono i migliori cibi da consumare per chi soffre di questo problema e vorrebbe liberarsene il più in fretta possibile.

Prima di cominciare, diciamo che il linea generale seguire una sana dieta mediterranea è la miglior soluzione, mentre un consumo eccessivo di alcol, insaccati, fritti e dolci si riflette negativamente sulla cute.

Tè verde. Ricco di antiossidanti, bere due o tre tazze al giorno di questa bevanda aiuta a ridurre l’acne. Per avere un effetto migliore e più “potente” è possibile fare degli impacchi di tè verde direttamente sulla zona da curare. L’impacco dovrebbe essere fatto una volta al giorno e tenuto almeno 15 minuti. Continue reading »

La scelta del passeggino

hand-reaching-out-605029-mLa scelta del passeggino giusto non è così semplice come sembra. Ci sono tutta una serie di opzioni da prendere in considerazione e vale la pena scegliere con attenzione.

Per prima cosa occorre valutare il tipo di passeggino di cui si ha bisogno. Tra i vari modelli c’è quello rivolto in avanti, solitamente con quattro ruote, leggero e maneggevole, ideale per muoversi in città. Molto utile è il sistema Travel System, che può essere usato sia da regolare carrozzina o passeggino, che da seggiolino per auto: ottimo per mantenere il bambino addormentato durante il trasferimento da o per l’automobile. I passeggini a tre ruote sono ottimi se si vive in campagna o al mare. Facili da guidare con una sola mano, sono anche molto comodi.

Ecco infine una lista delle cose da considerare quando si sceglie un passeggino; alcuni punti possono sembrare ovvi ma proprio per questo potrebbero essere facilmente dimenticati. Continue reading »